Campagna Fiocco Bianco

Posted by on Nov 20, 2006 in Archivio, Iniziative | 0 comments

    Il 25 novembre 2006, Giornata internazionale contro la violenza alle donne indetta dalle Nazioni Unite, l’Associazione Artemisia di Firenze, con gli Enti locali e con associazioni attive nella tutela dei diritti umani, promuove la Campagna nazionale del Fiocco Bianco. La campagna raggiungerà la città di Bologna il 4 dicembre, ospitata dalla Casa delle donne per non subire violenza in collaborazione con il gruppo Maschile Plurale. Sostengono l’iniziativa gli Assessorati alla Cultura e alle Pari Opportunità e all’Istruzione, Formazione e Lavoro della Provincia di Bologna, con l’ausilio dell’Ufficio Scolastico Provinciale, e la Cooperativa CADIAI. L’iniziativa nasce dalla volontà di dare spazio e visibilità agli uomini che vogliono impegnarsi contro la violenza alle donne. Allo stesso tempo, la campagna promuove un impegno comune di uomini e donne per il mutamento della cultura sulla quale la violenza alle donne si radica e si sviluppa. Il fiocco bianco è un piccolo simbolo, che però vuole esprimere un forte impegno personale assunto pubblicamente dagli uomini che lo appuntano sui loro abiti: l’impegno a non commettere mai, a non tollerare, a non rimanere in silenzio di fronte ad atti di violenza sulle donne. A partire dal Canada, dove è nata la campagna nel 1991, questo gesto semplice ma importante viene oggi compiuto da uomini di varia età e condizione sociale e professionale in vari paesi dei cinque continenti (www.whiteribbon.ca). Quest’anno, per la prima volta, la campagna viene organizzata anche in Italia: iniziative si svolgono nello stesso periodo a Firenze, Pistoia, Prato, Lucca, Milano, Parma, Gubbio, Torino, Roma (www.fioccobianco.it). Per l’occasione è stato invitato Michael Kaufman, saggista, conferenziere, consulente e formatore sui temi delle relazioni di genere per enti pubblici, aziende, sindacati, università, scuole e organizzazioni non governative, oltre che per le Nazioni Unite. Kaufman è uno dei fondatori della prima Campagna del Fiocco Bianco, e un promotore di iniziative formative, organizzative e divulgative contro la violenza sulle donne in tutto il mondo (www.michaelkaufman.com).La tappa bolognese della campagna prevede momenti seminariali rivolti alle scuole secondarie ed un incontro aperto alla cittadinanza, condotti direttamente da Michael Kaufman, con l’obiettivo di formare e informare sulla violenza di genere. L’appuntamento è per: lunedì 4 dicembre nella Sala del Consiglio Provinciale (Residenza Provinciale – Via Zamboni, 13)  Programma: ore 9.00/12.00 Incontro seminariale rivolto agli studenti ore 12.00/13.30 Conferenza metropolitana dei Sindaci dei Comuni del territorio provinciale ore 14.30/17.00 Incontro seminariale rivolto agli insegnanti ore 17.30/19.30 Incontro pubblico aperto alla cittadinanzaLo scopo finale dei seminari nelle scuole è di sensibilizzare sul tema della violenza alle donne, in particolare gli studenti maschi degli istituti medi superiori, attraverso un metodo specifico: offrendo cioè ai giovani uomini l’opportunità di identificarsi con modelli maschili positivi, e alternativi alla violenza, piuttosto che limitarsi ad...

Read More

Sentenza del TAR – Emilia Romagna 13 giugno 2003

Posted by on Giu 13, 2003 in Archivio | 0 comments

REPUBBLICA ITALIANA      Sent. 775/2003 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO RG. N. 1280-00 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER L’EMILIA ROMAGNA – BOLOGNA – – SEZIONE SECONDA – Composto dai Signori: Dott. Luigi Papiano – Presidente Dott. Giancarlo Mozzarelli – Consigliere Dott. Bruno Lelli – Consigliere rel. est. ha pronunciato la seguente SENTENZA Nel ricorso proposto da: ASS.NE GRUPPO DI LAVORO E RICERCA SULLA VIOLENZA ALLE DONNE rappresentato e difeso da ABRAM AVV. DANIELA e BELLI AVV. BEATRICE con domicilio eletto in BOLOGNA STRADA MAGGIORE 47 presso BELLI AVV. BEATRICE contro COMUNE DI BOLOGNA rappresentato e difeso da                                                           SIMONI AVV. LUISA e KUMBASAR AVV. MONICA con domicilio eletto in BOLOGNA PIAZZA GALILEO 4 presso AVVOCATURA COMUNALE COMUNE DI BOLOGNA e nei confronti di ASSOCIAZIONE “ERENDIRA” DI BOLOGNA                           rappresentata e difesa da GJYLAPIAN AVV. GIORGIO e ROSSI AVV. RITA con domicilio eletto in BOLOGNA VIA RIVA RENO N.58 presso ROSSI AVV. RITA e con l’intervento ad adiuvandum di CASA DELLE DONNE CONTRO LA VIOLENZA rappresentata e difesa da: BERGONZONI AVV. RENATA e ALBORESI AVV. GABRIELLA con domicilio eletto in BOLOGNA STRADA MAGGIORE 47 presso BELLI AVV. BEATRICE e con l’intervento ad adiuvandum di ASS.NE INTERCULTURALE NONDASOLA            O.N.L.US.                                                                      rappresentata e difesa da FAVA AVV. GIOVANNA e FONTANA AVV. PAOLA con domicilio eletto in BOLOGNA STRADA MAGGIORE 47 presso BELLI AVV. BEATRICE e con l’intervento ad adiuvandum di ASSOCIAZIONE CENTRO ANTIVIOLENZA           O.N.L.U.S. rappresentata e difesa da VENTURINI AVV. PIERANGELA e CORTESI AVV. CECILIA, con domicilio eletto in BOLOGNA STRADA MAGGIORE 47 presso BELLI AVV. BEATRICE per l’annullamento * del provvedimento PG n. 121460/2000 in data 2.8.2000 del Direttore del Settore Sicurezza Urbana, con cui si determina l’affidamento alla associazione controinteressata della gestione, per il periodo 28.8.2000 al 28.2.2001, eventualmente prorogabile per altri 6 mesi, del servizio di supporto e accoglienza per donne che hanno subito violenza; * della nota PG. N. 53/00 del 2.8.2000 con cui l’amministrazione comunica alla Associazione ricorrente l’esito della trattativa privata, nonché l’intimazione a procedere al rilascio dei locali di Via dei Poeti n.4 a far tempo dalle ore 10,00 del 28.8.2000; * di ogni altro atto connesso, presupposto e/o consequenziale, ivi compresa la proroga semestrale dell’affidamento. Visti gli atti e i documenti depositati con il ricorso; Visto l’atto di costituzione in giudizio di: COMUNE DI BOLOGNA ASS.NE INTERCULTURALE NONDASOLA O.N.L.US. ASSOCIAZIONE “ERENDIRA” DI BOLOGNA ASSOCIAZIONE CENTRO ANTIVIOLENZA O.N.L.U.S. CASA DELLE DONNE CONTRO LA VIOLENZA Designato relatore il Cons. BRUNO LELLI ; Uditi gli avv.ti B. Belli, L. Simoni, R. Rossi, B. Belli in sostituzione di R. Bergonzoni e G. Alboresi, B. Belli in sostituzione di P. Venturini e C. Cortesi; FATTO Col ricorso in epigrafe vengono impugnati gli atti della procedura avente per oggetto l’aggiudicazione con il sistema...

Read More

Appello della tavola delle donne

Posted by on Ago 1, 2000 in Archivio | 0 comments

LA GIUNTA GUAZZALOCA HA DECISO DI CANCELLARE L’ESPERIENZA DELLA CASA DELLE DONNE PER NON SUBIRE VIOLENZA, LA PRIMA CASA APERTA IN ITALIA NEL 1990, CHE HA ACCOLTO PIÙ DI 3000 DONNE E 150 BAMBINI. Questa decisione mette a rischio tante donne maltrattate e ci priva di un patrimonio di civiltà per le donne e per tutta la società bolognese. Più di diecimila cittadini e cittadine si sono rivolti al Sindaco affinché questa esperienza potesse proseguire. Ma la Giunta ha usato tutti i mezzi per far tacere la voce delle donne che gestiscono la Casa, creando un clima di sospetto, non riconoscendo né il lavoro da loro svolto con le donne, né quello di formazione e di confronto con le strutture sanitarie, la scuola, le forze dell’ordine. Per cinque mesi, a convenzione scaduta, in attesa del nuovo bando, le donne ospitate nella Casa sono state a totale carico delle operatrici, segno di una insensibilità eloquente da parte della Giunta. L’ultima beffa è stata il bando per l’assegnazione del servizio: non hanno costituito titolo l’esperienza svolta e la competenza delle operatrici a lavorare con donne così fortemente traumatizzate. E’ stato così che ha potuto vincere un’associazione, Erendira, che nella sua storia, non dichiara alcuna pratica con donne violentate e maltrattate in famiglia. Solo chi non ha esperienza può pensare di mettere queste donne in comunità “miste” o ” normali famiglie”. Solo chi è in malafede, può ritenere che contro la violenza sessuale sia sufficiente un servizio di pura emergenza. La mancanza nel progetto di un rifugio segreto può mettere a rischio la vita stessa delle donne accolte. LA CASA DELLE DONNE PER NON SUBIRE VIOLENZA RAPPRESENTA IL SEGNO DI UNA BOLOGNA CIVILE E GENEROSA, COSÌ FACENDO, QUESTO SINDACO E QUESTA GIUNTA, NON LA RAPPRESENTA. LE ASSOCIAZIONI DELLA TAVOLA DELLE DONNE: ARMONIE – ARCILESBICA -ARTEMISIA -LA META – UDI GRUPPO GIUSTIZIA – M.I.T. – GRUPPO DI LETTURA SAN VITALE – SOS DONNA – NOI DONNE INSIEME – PARANAMA – VISIBILIA – LE RAGAZZE DELLA MAPPA – LE FORMICHINE – DONNE DOLCI – ORLANDO – SCHOLE’ LE MELEGRANE; SPAZIO PUBBLICO DI DONNE – DONNE CGIL CISL UIL – SILP PER LA CGIL – SIULP – RETE DI DONNE DI BOLOGNA – DONNE PER IL GOVERNO DELLE CITTÀ – LE DONNE DS – LE DONNE DEMOCRATICHE – LE DONNE POPOLARI – FORUM DONNE PRC BOLOGNA – DONNE PDCI – DONNE VERDI – ASSOCIAZIONE AUTOTUTELA DELLA SALUTE – NUOVAMENTE – LIBERTA’ EGUALE – COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLA MARCIA MONDIALE DELLE DONNE – CONSIGLIO DI RAPPRESENTANZA DELLA CONSULTA CONTRO L’ESCLUSIONE SOCIALE stampato in proprio Lettera alla Presidente dell’Associazione Erendira, vincitrice del bando. Alla Presidente dell’Associazione Erendira dott.ssa Deanna Bussolari presso la sede dell’Associazione Via Bigari, 13-Bologna Le...

Read More