Più di 40 fumettisti/e e illustratori/trici italiani disegnano e raccontano Fantaghirò, per una fanzine in omaggio alla serie cult anni 90. Tutto il ricavato del progetto sarà devoluto a favore di Casa delle donne di Bologna.

Fanzaghirò nasce per gioco, un’idea leggera che ha entusiasmato più di ogni previsione.  Quaranta disegnatori italiani dal mondo del fumetto e dell’illustrazione, professionisti ed esordienti, uniti per celebrare un cult della nostra gioventù:

Alessandro Baronciani  Alessandro Coppola  Alexiel April
Alice Girlanda 
 Claudia Nuke Razzoli  Cristina Portolano
Eleonora Antonioni 
 Fabio Mancini + Marco B Bucci
Flavia Biondi + Anna Ferrari 
 Francesco Zito  Freddie Tanto
Giopota 
 Giorga Marras  Giulia Sagramola  Greta Xella
Guido Fiato 
 Jacopo Camagni  Laura La Came  Lois
Lorenza De Luca 
 Loris De Marco  Luisa Torchio
Maicol&Mirco 
 Marco Albiero  Maurizia Rubino
Michele Soma 
 Noemi Gambini  Nova  Pablo Cammello
Raffaele Sorrentino 
 Rita Petruccioli  Salvatore Callerami
Salvatore Giommarresi 
 SantaMatita  Silvia Rocchi
Simone D’Armini 
 Spugna  Valentina Brancati  Vittoria Macioci

Il volume sarà di 52 pagine completamente a colori, in brossura con alette. In ogni copia sarà inserito un poster formato A3 a opera di Alessandro Baronciani.

Il numero di volumi stampati sarà in rapporto ai fondi accumulati. Prevediamo comunque un minimo di 200 copie, che potremmo noi spedirvi o potreste voi ritirare al Treviso Comic Book Festival in settembre, dove presenteremo il progetto con un evento dedicato, o ai successivi eventi Renape a Bologna.

“Affinché il gioco non fosse fine a se stesso ci siamo detti che avremmo devoluto tutti i ricavati ad un’associazione benefica. Abbiamo conosciuto le ragazze de La casa delle donne di Bologna, una realtà concreta che tutela le donne dalle violenze su tutto il territorio. Il loro eccezionale lavoro ci ha ispirati a realizzare un progetto che esaltasse l‘ideale femminista e abbattesse gli stereotipi di genere“.

Fanzaghirò è un progetto ideato e curato da Giopota, logisticamente gestito da Thomas Govoni dell’associazione culturale Renape e supportato con entusiasmo dal Treviso Comic Book Festival.

Più informazioni sul progetto e su come sostenerlo qui