Nell’ambito della XII edizione del Festival La violenza illustrata, Casa delle donne in collaborazione con il Centro di Ricerca Interdipartimentale Coordinato ESCAPES. Laboratorio di studi critici sulle migrazioni forzate propone un seminario per riflettere sugli effetti concreti delle politiche del controllo e dell’abbandono istituzionale che investono le donne dopo le esperienze vissute lungo l’intera traiettoria migratoria.

A questo fine, proponiamo una CALL FOR INTERVENTIONS/PAPERS a ricercatori/ricercatrici, realtà sociali o individui impegnati in azioni di monitoraggio, nelle esperienze dei centri antiviolenza e in azioni di denuncia sociale per sollecitare la partecipazione per costruire un tavolo di discussione permanente sui temi proposti, fra i quali:
1) Immaginari di genere e culturali incorporati dall’intervento umanitario e di controllo;
2) Scarto fra dimensione sostanziale e formale della forme di tutela e protezione in una prospettiva di genere;
3) Forme di assoggettamento e costruzione attiva del sé (pratiche agite, desideri e significati sociali attribuiti al sé e alle proprie posizioni);
4) Continuità/temporalità della violenza e della sopraffazione: interazione fra diverse forme di violenza (vissute prima dell’arrivo, nel transito e nei luoghi d’arrivo);
5) Analisi delle forme di violenza e degli orizzonti socioculturali in cui si muovono le esperienze di donne e uomini che chiedono asilo (compresa una lettura di ampio raggio verso i contesti di provenienza)
6) Tratti evidenti del controllo e pratiche con cui le maschere umanitarie celano violenze istituzionali, razzializzazione delle politiche, meccanismi di sopruso e sopraffazione.

Tempi e modalità:

la call scade il 10 settembre 2017 – sono accettate proposte di 6.000 battute massimo

Proponenti
Barbara Pinelli barabara.pinelli@unimib.it
Alessandra Gribaldo alegribaldo@women.it
Casa delle donne per non subire violenza, ONLUS
info.casadonne@women.it, (per info 051-6440163)
www.casadonne.it

Scarica la call per papers GENERE E VIOLENZA. QUANDO LE DONNE CHIEDONO ASILO