Puoi trovare qui documenti online prodotti dalla Casa delle donne scaricabili, opuscoli, manuali, bibliografie e video.

RELAZIONE DI ATTIVITÀ 2015

copertina fronte 2015Anche per l’anno 2015, Casa delle donne per non subire violenza ONLUS ha mantenuto lo svolgimento di tutte le attività in corso dagli anni precedenti, garantendo alle donne della città metropolitana di Bologna i propri servizi.
Come è possibile ricavare dai dati di attività, che rimangono in linea con quelli degli anni precedenti, il Centro antiviolenza si conferma per le donne, dopo più di 25 anni dall’apertura, il luogo deputato per il percorso di uscita da una condizione di violenza e sopraffazione.

Scarica la relazione di attività 2015

RELAZIONE DI ATTIVITÀ 2014

copertina fronte bianca 2014La Casa delle donne per non subire violenza ONLUS, Centro antiviolenza della Città Metropolitana di Bologna, anche per l’anno 2014 ha potuto mantenere i propri elevati standard di servizio nell’ambito di tutti i progetti creati e potenziati negli anni precedenti.

Scarica la Relazione di attività 2014

 

Relazione2013RELAZIONE DI ATTIVITÀ 2013

Nell’anno 2013 molte più donne, rispetto agli anni precedenti hanno chiesto aiuto a Casa delle donne. I dati ci mostrano un incremento costante negli anni, passando dalle 551 del 2007 alle 665 del 2013. Anche per quanto riguarda l’ospitalità, l’avvio del progetto Save, finanziato dal Ministero delle Pari Opportunità, ci ha permesso di ospitare in emergenza durante l’anno 2013 donne e bambini che non avremmo potuto ospitare senza un progetto adeguato.

Scarica la Relazione di attività 2013

 

cartadeiservizi-copertina LA CARTA DEI SERVIZI

La Carta dei servizi non è un documento di intenti ma è un’occasione di informazione per le donne e gli operatori di servizi sociali riguardo ai servizi offerti.  ai tempi e alle modalità esistenti per accedervi. Quella che vi presentiamo è la seconda versione, aggiornata alla luce dei nuovi servizi attivati in questi anni.

Scarica la Carta dei Servizi della Casa delle donne 2016 (pdf)

BILANCIO SOCIALE

bilanciosociale2011 Il bilancio sociale persegue un preciso obiettivo: rendere pubblico e far conoscere il complesso quadro di interdipendenza tra fattori economici e fattori sociopolitici alla base del lavoro e delle attività svolte dal centro antiviolenza.
L’intento è anche quello di esplicitare alcuni obiettivi di miglioramento dell’attività e delle politiche pubbliche a favore delle donne. Il bilancio sociale è rivolto ai Enti pubblici, a numerosi donatori e donatrici, alle fondazioni e aziende che hanno sostenuto l’associazione in questi anni e che potranno leggere e verificare quanto è stato prezioso il loro supporto.

OPUSCOLI e MANUALI

parlaconno-piciOpuscolo Parla con noi
Campagna rivolta alle donne italiane e straniere attraverso la diffusione di un opuscolo multilingue, dal titolo “Parla con noi“. L’opuscolo stampato in 5.000 copie sarà diffuso in tutta la provincia di Bologna. E’ stato possibile relatizzarlo grazie all’associazione italo-americana Luciano Finelli di Bologna.
Sarica l’opuscolo (pdf)

 

olas-picFlyer Oltre la Strada
Usa la forza della conoscenza. Articolo 18 e altre informazioni per la sicurezza e la tutela delle donne sfruttate.
Scarica l’opuscolo (pdf)

 

 

 

fioccobianco-picOpuscolo della Campagna Nazionale Fiocco Bianco
Uomini contro la violenza alle donne. Un impegno per costruire il futuro.
Scarica l’opuscolo (pdf)

 

 

Come posso aiutarti? Vademecum per aiutare una donna che subisce violenza, 2006 (Scarica pdf)

ATTI DI SEMINARI 

  • 12 settembre 2007: “Lavorare in rete con le forze dell’ordine“, Bologna.
    Relazione di Angela Romain (formato pdf )
    Relazione di Francesco Lonardo (formato pdf )
    Relazione di Alessandra Bagnara (formato pdf )
    Relazione di Angela Gamberini (formato pdf )
  • 5 giugno 2007: “Violenza alle donne: quando a subire sono le migranti”, Bologna.
    Relazione di Maria Teresa Montella (formato pdf )
  • 21 gennaio 2005: “Violenza assistita, violenza vissuta“, Bologna (formato pdf )
  • Settembre e giugno 2003: “Incontrare le donne migranti: identità e culture a confronto“, Bologna.
    Seminari teorici pratici di approfondimento nell’accoglienza di donne straniere in difficoltà.
    27.06.2003 (formato pdf ) – 23.09.2003 (2. formato pdf )

 

BIBLIOGRAFIE

 

VIDEO

FEMMINICIDIO: Nuove misure legislative e prevenzione
Convegno – Bologna, 29/11/2013 – Festival La violenza illustrata VIII Edizione. Giustizia Violata

STORIE DI DONNE
Storie di donne: cortometraggio tratto da fotoromanzo avente per protagoniste donne che vogliono dire no alla violenza.

Tre donne, tre storie, lo stesso fantasma da fronteggiare. La violenza contro le donne ha una natura “spettrale”, compare come e dove meno te la aspetti. Si nasconde in luoghi insospettabili come le mura di casa, come sa bene la moglie ferita e turbata della prima storia. Può parlare con la voce del proprio capoufficio e costringere al licenziamento, come capita, nella seconda storia, a Carla. Può, infine, celarsi nella tenerezza dei primi amori: succede, nella terza storia, alla giovane Agnese, filmata con l’inganno dal proprio ragazzo ed esposta alle molestie dei bulletti della scuola.
La violenza contro le donne è uno spettro che si nutre del silenzio delle sue vittime: l’unica possibilità di uscita per le tre donne è spezzare il cerchio del silenzio e chiedere aiuto.
Con Storie di donne, la Casa delle donne lancia un messaggio forte e chiaro: parlare della violenza sulle donne, renderla visibile attraverso mostre ed eventi culturali, dare al fenomeno la giusta risonanza sui media può aiutare le donne che la subiscono a entrare in contatto con i centri anti-violenza e a trovare il coraggio per uscire allo scoperto.

FACCENDE DOMESTICHE

Di grande interesse è il cortometraggio “Faccende domestiche“, disponibile in collaborazione con Arcoiris Tv, che ci porta all’interno delle mura domestiche per scoprire la sofferenza di tre donne come tante che ripercorrendo con la memoria la loro “storia d’amore” ci raccontano com’è difficile accettare il fatto di avere bisogno di un aiuto per uscire dal vortice della violenza e terrore che è diventata la propria vita.

Voci: Martina Bortignon, Barbara Esposito e Francesca Piatti
Ideazione, riprese e montaggio: Francesca Piatti